Il Servizio di Riparto : definito accordo e cronoprogramma

Chiusura del traffico automobilistico sul tratto Badesi-Paduledda della SP-90
17 ottobre 2017
Il C. di A. del 14/15 ottobre 2017
27 ottobre 2017

Il Servizio di Riparto : definito accordo e cronoprogramma

Il percorso iniziato dal C di A lo scorso aprile per definire l’accordo con Abbanoa per il Servizio di riparto è prossimo alla conclusione.
Ricordiamo che il nostro obbiettivo era quello di superare una volta per tutte il problema della morosità legata al mancato pagamento dell’acqua, affidando ad Abbanoa l’onere del rilevamento dei consumi, della fatturazione, della riscossione delle bollette e l’eventuale intervento in caso di morosità.
Il Servizio di Riparto, come abbiamo sottolineato  più volte, non è ancora la realizzazione del Servizio Idrico Integrato ma ‘solo’ un accordo fra Comunità ed Abbanoa, grazie al quale la Comunità resta proprietaria e responsabile dell’impianto, e Abbanoa fornisce semplicemente i servizi sopradescritti.  Per realizzarlo, oltre a definire il piano di rientro del nostro debito con il gestore (ricordiamo il risultato non irrilevante della rateizzazione in 18 mesi, rispetto alla proposta di sei mesi), stiamo provvedendo all’acquisto e all'installazione dei nuovi contatori a telelettura. Normalmente Abbanoa non consente di iniziare il servizio di riparto prima del saldo completo del debito, ma nei mesi scorsi il C di A è riuscito ad instaurare con i funzionari dell’ente di gestione un rapporto di   fiducia che sta dando ottimi risultati.

Lo scorso 17.10 .2017, la rappresentanza del C.di A. della Comunità di Costa Paradiso (G. Monterosso e C.Pedace) si è incontrata con i funzionari di Abbanoa, dr. Cogoni e dr. Purina, negli uffici di Abbanoa a Cagliari, per limare gli ultimi dettagli dell’ accordo.
Sono stati riesaminati i contenuti del Contratto Generale e degli allegati, costituiti dal contratto dettagliato Abbanoa -Comunità per il servizio di riparto e dal format del subcontratto divisionale.
I delegati del C. di A. hanno proposto alcune modifiche e precisazioni, alla luce anche dei molti quesiti sollevati dai partecipanti negli ultimi mesi.
Fra le altre cose è stato messo in rilievo che i contratti divisionali (cioè individuali) devono essere attuati anche all’interno dei condomini formalmente riconosciuti e registrati dalla Comunità. I condomini dovranno quindi permettere l’installazione di tanti contatori quanti sono i condòmini. Per le modalità gli Amministratori potranno consultare l’ufficio tecnico della Comunità.
Il testo definitivo del contratto e degli allegati, completo delle variazioni concordate, sarà inviato da Abbanoa entro la fine della settimana, e sarà firmato dai due contraenti entro il mese di ottobre.
Appena avremo a disposizione il testo firmato lo pubblicheremo nell’area riservata del sito.
Nei prossimi giorni daremo le indicazioni necessarie all’acquisizione del contratto individuale che dovrà essere inviato all Comunità, unico titolare del rapporto con il gestore.

Il Consiglio di Amministrazione della Comunità

2 Comments

  1. valter Ronzani ha detto:

    in base a quali leggi o regolamenti del codice civile il “devono” effettivamente si coniuga nella pratica di imposizione da parte della Comunità di contratti divisionali, ovvero individuali ?
    non avendo pratica od esperienza in merito lo chiedo cortesemente a chi ne sa più di me.
    Ringrazio per una cortese risposta chiarificatrice.
    Valter Ronzani

    • Claudio Pedace ha detto:

      Gentile sig. Ronzani, l’accordo con Abbanoa per il Servizio di Riparto è stato approvato nell’assemblea di agosto . La Comunità ha predisposto con Abbanoa un contratto che stabilisce alcune regole, prima fra tutte quella dei contratti individuali, fatti direttamente con Abbanoa, cosa che tutti volevamo per evitare gli abusi che hanno portato alla grave situazione economica che si era determinata (morosità). Nei prossimi giorni (purtroppo in ritardo sensibile rispetto a quanto ci era stato promesso a settembre) avremo il testo del contratto che pubblicheremo sul sito. Quindi non si tratta di ‘imposizione’ da parte del CdA, ma di applicazione rigorosa del volere dei Proprietari riuniti in Assemblea.
      Spero di aver dato risposta esauriente al suo quesito
      Cordialmente
      Claudio Pedace

Lascia un commento