Il via all’installazione dei contatori a telelettura

la lettera del dr. Antonello Zanza alla Comunità
14 settembre 2017
Alcuni chiarimenti sull’installazione dei nuovi contatori a telelettura
19 settembre 2017

Il via all’installazione dei contatori a telelettura

Stiamo inviando  le lettere con cui si comunica l'avvio delle operazioni per l’installazione dei nuovi contatori dell’acqua, primo passo verso il  Servizio di Riparto,  rapporto  individuale fra singolo proprietario e Abbanoa.
Ricordiamo, in breve, il dettaglio dell’operazione:
1) I nuovi contatori saranno installati esclusivamente presso le utenze in regola con i pagamenti e pertanto tutti gli utenti morosi saranno esclusi dall’allaccio.
2) Ogni  proprietario dovrà compilare il modulo inviato dalla Comunità. Questa operazione può essere effettuata anche on-line sul sito www.territoriocostaparadiso.it, scaricando il modulo o riempiendolo e rinviandolo direttamente on-line.(cliccare  su Modulo assegnazione contatore idrico a telelettura)
3) Il proprietario dovrà versare 126 € (costo del contatore e spese fiscali) : il versamento deve essere fatto  entro 15 gg. dall’invio della richiesta da parte della Comunità sull’IBAN:

IT22V 01015 87620 000000000129 – SWIFT BPMO IT22XXX – BIC SARDIT 31XXX intestato alla Comunità
causale: installazione contatore in telelettura più i dati identificativi (n° lotto e/o N° partecipante)

4) Il riscontro dell’avvenuto versamento renderà possibile l’avvio della procedura di installazione e la presa in carico della lettura e fatturazione da parte di Abbanoa . In mancanza di detto pagamento, il contatore non verrà installato.
5) Le installazioni saranno effettuate da personale della Comunità. Il vano contatori deve essere posizionato, così come richiesto da Abbanoa S.p.A.,in area accessibile e all’esterno della casa (art. 42 del regolamento).
6)  Al completamento delle installazioni, tutti i contatori per i quali non è stata richiesta la sostituzione verranno slacciati dalla rete idrica in quanto  non più leggibili dal sistema.

Abbiamo pubblicato sul sito l'informativa sulle procedure da seguire .  (cliccare su: Sostituzione contatori idrici e nuovo Sistema di Riparto)
Il Consiglio di Amministrazione della Comunità

13 Comments

  1. Antonio Nieddu ha detto:

    Riguardo alla sostituzione dei contatori dell’acqua, se da un lato apprezzo la possibilità di ricondurre il consumo della stessa al rispettivo proprietario, che dovrà pertanto farsi carico in prima persona per eventuali mancati pagamenti, dall’altro rilevo criticità nella modalita’ di gestione del passaggio ad Abbanoa da parte della Comunita,
    La Comunità su indicazione del fornitore impone ai proprietari l’acquisto di un contatore a proprie spese, mentre Abbanoa promuove sul mercato ai propri clienti, da un paio di anni a questa parte, la sostituzione a proprie spese di circa 270.000 vecchi misuratori con nuovi a telelettura (con un investimento pari a circa 9 milioni di Euro).
    La cosa ancora piu’ “eclatante” che tale operazione di acquisto dovrà precedere la stipula del contratto di fornitura con Abbanoa, in mancanza del quale rimarremo senza acqua.

    Altro rilievo riguarda il punto 10 del sistema di riparto: è impensabile che gli oneri economici derivanti da inadeguatezza e cattiva manutenzione della rete idrica, debbano essere ripartiti tra i proprietari che non hanno nessuna possibilità di intervenire per risolvere problemi strutturali.

    Infine, un’ultima considerazione. L’atteggiamento da tenere nei confronti di un fornitore, non deve assolutamente prevedere “posizioni di debolezza” né “posizioni di forza”.
    La scelta del fornitore viene fatta sulla base di proposte commerciali da accettare o da confutare e comunque su cui ragionare preliminarmente per evitare possibili ed onerosi inconvenienti futuri.

  2. Demetrio Riso ha detto:

    Io non sono un neo-proprietario ma “vecchio” e sono d’accordo con quanto espresso dal Sig.Guadagno.Solitamente chi gestisce l’acqua ha in carico anche la manutenzione dell’impianto fino al contatore e quindi anche le eventuali perdite.I proprietari non possono controllare eventuali perdite a monte del proprio contatore,,quindi mi chiedo come verranno suddivise e controllate le perdite?Capisco che abbiamo avuto una situazione di debolezza in fase di contrattazione con Abbanoa per I motivi che sappaimo,ma spero che passo dopo passo si avanzi nella strada intrapresa e come dice il sig.Pedace si approfondiscano queste criticita’ quanto prima.

    Cordiali Saluti

  3. Giuseppe Guadagno ha detto:

    In qualità di neo-proprietario ho appreso con soddisfazione questa iniziativa volta a risolvere un annoso problema della comunità. Complimenti.

    Pertanto ho letto con attenzione le varie informative in merito. Mi riallaccio al commento del sig. Dimucci, per sottolineare un importante aspetto che non è ancora stato evidenziato nei commenti precedenti.

    Con riferimento al para 10 della nota informativa pubblicata sul sito della comunità e relativa alla sostituzione dei contatori dell’acqua, ritengo non accettabile il seguente passaggio:

    10) Modalità di fatturazione da parte di Abbanoa
    […] E’ bene chiarire in proposito che, a causa delle perdite idriche di rete lungo tutto il percorso, dall’attuale contatore generale di Abbanoa a quello dei singoli partecipanti, le fatture di Abbanoa comprenderanno, oltre agli effettivi consumi dei singoli proprietari, anche quota parte dei consumi dovuti alle perdite di rete. Tale quota parte sarà calcolata come differenza tra i consumi letti al contatore generale e la somma di quelli letti ai contatori dei proprietari, divisa per il numero totale di contatori serviti.

    Il criterio sopra esposto non è accettabile in quanto non può essere attribuita al singolo utente alcuna responsabilità per le “perdite di rete” a monte del proprio contatone.
    Tali “perdite” possono essere dovute principalmente a due cause: (a) effettive perdite di tubi e giunti; (b) prelievi irregolari da parte di qualcuno (motivo per cui stiamo installando contatori a telelettura e fatturazione diretta).
    In entrambi i casi la responsabilità e la prevenzione su entrambe le cause non può che essere di Abbanoa, in quanto il singolo utente non ha alcuna possibilità di agire per controllare o prevenire tali cause.

    La differenza tra i consumi letti al contatore generale, che ha più alcuna ragione di esistere ai fini della fatturazione dei consumi (anche se non possiamo imporre ad Abbanoa di rimuoverlo dalle sue linee) e la somma di quelli letti ai contatori dei proprietari, deve essere un’indicazione per Abbanoa della adeguatezza e stato di manutenzione delle sue linee di distribuzione e del controllo di eventuali prelievi illeciti. È troppo comodo scaricarli nuovamente sulle spalle della comunità, ripartendole su tutti gli altri utenti onesti!
    In pratica si gira intorno al problema, ma non lo si risolve: se qualcuno rubasse l’acqua prelevandola a monte del proprio contatore, il costo di questo furto sarebbe ripartito fra tutti gli utenti.

    cordiali saluti

    • Claudio Pedace ha detto:

      Gentile sig. Guadagno, la ringrazio per il suo commento puntuale e chiaro. Non posso che concordare con alcune delle sue osservazioni. La scelta di passare dalla gestione nostra a quella di Abbanoa, comporta e comporterà molti problemi. Al momento le posso solo dire che è nostra intenzione nei prossimi incontri approfondire le criticità, compresa quella da lei, e da altri, giustamente indicata. Il fatto che noi usciamo solo ora da un lungo periodo di morosità diffusa (di cui penso abbia avuto modo di leggere l’entità) che ha portato alla risoluzione del precedente contratto con Abbanoa e alla scelta di passarle le competenze di gestione, attraverso prima il servizio di Riparto e poi il contratto individuale, ci mette, purtroppo , in una posizione di debolezza in una trattativa tutt’altro che facile.
      Cordiali saluti

  4. francesco dimucci ha detto:

    A parte la difficoltà da parte mia ad accettare che un oggetto di mia proprietà (il nuovo contatore) venga acquiostato da qualcun altro (la Comunità) senza che io possa sciegliere dove comprarlo (a minor prezzo) e se prenderlo di colore giallo o verde (una provocazione), mi riesce ancora più difficile capire perchè le perdite di rete debbano essere divise in parti uguali per numero di contatori invece che in proporzione ai consumi registrati o ai millesimi posseduti. Questo porta a situazioni perlomeno strane: un condominio di 100 mega-ville con consumi di acqua enormi ma con un solo contatore condominiale, pagherà la stessa quantità di perdite di rete di una minuscola casa senza consumi ma con un suo contatore. Mah….

    • Claudio Pedace ha detto:

      Gentile sig. Dimucci, per rispondere in modo esauriente alle sue perplessità, ho coinvolto l’ing. Monterosso che sta seguendo per conto del C di A le complesse trattative con Abbanoa. Ecco quanto mi ha scritto:

      1)I contatori devono essere gli stessi con le stesse caratteristiche perche’ collegati allo stesso software. Il contatore resta di proprieta’ dell’utente come ora.
      2) Le perdite dipendono dalla rete e non dal volume della casa e dal consumo. Purtroppo ci sono anche quando le case restano chiuse! Una piccola casa isolata (quindi con linea di trasporto acqua piu’ lunga e forse difficile ha piu’ probabilita’ di perdite di un complesso di case vicino alla erogazione). Ma il discorso e’ lungo e vi sono altri parametri da considerare.
      3) Il caso dei condomini con piu’ utenti e un unico contatore e’ sicuramente una eccezione, ma a CP sono casi isolati. Per ora abbanoa considera questo metodo nel servizio di riparto. Credo che i gestori in genere spalmino sia le spese generali di gestione che le perdite sul totole volume erogato e quindi quota parte sul metro cubo.

      Cordiali saluti

  5. Giorgio Margiaria ha detto:

    non mi riesce di capire il motivo per il quale non sia Abanoa a fornire il servizio di installazione e successiva eventuale manutenzione normando il tutto con un contratto individuale Abanoa – utente come credo sia prassi comune fare.
    se la responsabilità dell’installazione e quindi la scelta ed il corretto, funzionamento dei nuovi contatori non è di Abanoa, come potranno le future bollette (che immagino saranno mandate da Abanoa direttamente all’utente) basarsi su attrezzature fornite e manutenute da altri ?
    ultima domanda poi è circa la responsabilità delle letture: sarà Abanoa a farle?
    ringrazio per la cortese attenzione

    • Claudio Pedace ha detto:

      Gentile sig. Margiara, secondo l’accordo con Abbanoa (illustrato nel corso dell’ultima assemblea) spetta a noi l’acquisto dei contatori (modelli utilizzati abitualmente da Abbanoa), che saranno proprietà individuale dei partecipanti. Alla fine delle installazioni ci saranno una serie di verifiche di qualità da parte del gestore sulla rete idrica interna e sui contatori stessi, momento che precederà la definitiva presa in carico da parte di Abbanoa della lettura e della fatturazione.
      Su questo sito dalla home page potrà visualizzare altre informazioni.
      Buona giornata

  6. Carla Di vito ha detto:

    Due chiarimenti in merito alla questione acqua.: la quota di € 126,00 significa che in seguito non avrò altre spese di gestione, tipo nolo contatore od altro, essendo contatore ed accessori

    da me acquistato e montato ( tramite la comunità ) ? Nel modulo per l’assegnazione di un contatore idrico si richiedono le coordinate bancarie da fornire ad Abbanoa per il pagamento

    delle successive fatture per consumi. Ci sono persone che non sono titolari di c/c o preferiscono una fatturazione cartacea o via web e pagare poi con metodi tradizionali ( bollettino

    postale, bonifico ecc. Come comportarci ?

    • Claudio Pedace ha detto:

      Gentile sig.ra Di Vito, essendo il contatore fornito dalla Comunità nulla è dovuto ad Abbanoa, salvo eventuali costi legati alla manutenzione successiva(da rivalutare quando ci sarà il contratto individuale). La richiesta dell’IBAN è stata fatta per semplificare eventuali pratiche di rimborso, ma non è condizionante rispetto alla prassi di pagamento, cioè non implica obbligo all’utilizzo della domiciliazione bancaria.
      Buona giornata

  7. Tondello Pietro ha detto:

    mi sembra un po’ esosa la cifra di € 126,00
    detto questo siamo tutti convinti che con Abbanoa andremo meglio? leggo ed ho letto, oltre aver visto un servizio sulla TV nazionale di tantissimi comuni in Sardegna con cause contro Abbanoa
    sicuramente non possiamo andare avanti come siamo andati, ma pensiamoci, anche se il processo di cambio è iniziato

    buona serata

    • Claudio Pedace ha detto:

      Gentile sig. Tondello, la scelta di avviare il passaggio ad Abbanoa delle competenze di fatturazione e,successivamente, di gestione completa del Servizio Idrico Integrato era parte del mandato che questo CdA ha avuto dai proprietari , confermato anche nella recente assemblea, di cui potrà consultare il verbale nell’area riservata del sito. La cifra di 126 € è la risultante del costo del contatore ,compresi accessori, il costo del montaggio e le spese fiscali (16 €). tenero conto che andiamo a sostituire molto spesso contatori fatiscenti, non mi pare un costo esoso.
      L’affidabilità di Abbanoa è tutta da valutare : compito nostro controllare e, se necessario, intervenire
      Buona giornata

Lascia un commento