L’autorizzazione allo scarico e la proroga della VIA del progetto fognatura

Facciamo l’interesse di Costa Paradiso!
10 maggio 2019
Un tiro mancino…..o un boomerang?
17 maggio 2019

L’autorizzazione allo scarico e la proroga della VIA del progetto fognatura

 AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO  :  A CHI LA RESPONSABILITA' ?

Dal 1992, la Comunità ha preso in carico la gestione della fognatura e del depuratore (di proprietà del Comune )  a seguito di un accordo temporaneo con il Comune di Trinità, accordo che prevedeva una scadenza nel 1995. Non serve a nessuno stabilire perché questa gestione  sia proseguita fino ad oggi anche se l’accordo è scaduto 24 anni fa. E’ invece importante sapere che questa gestione(link) non è conforme alla legge e che la Comunità (nella persona del suo Presidente) ha una responsabilità penale per eventuali danni ambientali conseguenti a questa illegittima sua posizione. Per regolarizzare questa grave anomalia il CDA , negli ultimi mesi , ha fatto una costante azione presso tutte le autorità competenti in modo da trasferire a chi di competenza l’autorizzazione allo scarico delle acque reflue ( link, link1 .  link2   , link3, link4Il cammino non è facile  e le burocrazie sono dure da scalfire, soprattutto dopo anni di consensuale irregolarità. Qualcosa si sta muovendo e non sarà certo questo CDA a mollare.

RICHIESTA LA  PROROGA  DELLA  VIA  ( Valutazione Impatto Ambientale )

E’ noto a tutti che il progetto di ampliamento degli impianti  fognari-depurativi, noto come progetto Savi (link)  per divenire efficace, ha dovuto ottenere  la cosiddetta  VIA, procedimento che ha comportato  anni di lavoro e conseguenti costi, fino al suo rilascio nel 2014.(link)  La validità del procedimento è di cinque anni e pertanto la sua scadenza è a novembre 2019.  In questi cinque anni  il progetto di ampliamento fognatura non ha avuto esecuzione a causa delle note vicende legate alla diatriba sulla competenza per l’esecuzione delle opere. Tutta la questione è oggetto di ricorsi al TAR della Sardegna che deciderà  a novembre di quest’anno. Queste lungaggini però rischierebbero di far scadere la VIA , e per questo motivo il CDA ha già provveduto ad inoltrare l’istanza di proroga onde evitare  di disperdere  il lavoro  speso per il suo ottenimento.

Il Consiglio di Amministrazione della Comunità

Costa Paradiso 11 maggio. 2019

Lascia un commento