SERVIZIO SANITARIO ESTIVO 2019 . Da quest’anno Costa Paradiso diventa ‘Territorio Cardioprotetto’

CHI VUOLE CHIUDERE LA COMUNITA’ ???
7 maggio 2019
Facciamo l’interesse di Costa Paradiso!
10 maggio 2019

SERVIZIO SANITARIO ESTIVO 2019 . Da quest’anno Costa Paradiso diventa ‘Territorio Cardioprotetto’

 

Grazie  agli accordi intervenuti con il 118 di Sassari e alla conferma della postazione fino al 2024. la presenza dell’ambulanza a Costa Paradiso sarà garantita dal 15 giugno al 15 settembre; nello stesso periodo confermata l’attività  dell’ambulatorio medico ( dr. Zanza, dr. Crasta, dr. Congiu) con gli stessi orari di apertura dello scorso anno  (link).L’accordo è a costi invariati. 

Ma l’importante novità di quest’anno è la realizzazione, con il supporto logistico e formativo  del 118, del  progetto ’Cardioprotezione’ . Già dai primi di giugno saranno posizionati  in altrettanti punti  strategici del territorio della Comunità 5 DAE (Defibrillatori Automatici Esterni). Un ulteriore  DAE è già presente presso gli Uffici della Comunità.

Ricordiamo che  nel periodo estivo oltre 15.000 persone vengono ospitate a Costa Paradiso, e che il rischio di episodi di aritmie gravi ed infarto è elevato. Nè dobbiamo dimenticare che già da aprile, e almeno fino alla fine di ottobre, le presenze ne territorio sono significative.

Secondo le statistiche, con questi numeri sono attesi fra i 5 e i 10 eventi. Un intervento rapido (entro pochi minuti) può salvare la vita nel 70 % dei casi! Il costo complessivo sostenuto per la realizzazione di questa rete  è di  € 5000 ; Le  attrezzature sono garantite per 8 anni e permetteranno un livello ottimale di intervento in caso di emergenza cardiologica nel territorio.

Infine anche quest’anno sara attivo il Servizio di consegna dei farmaci presso la sede degli uffici della Comunità, con la procedura consolidata negli scorsi anni.

Presso i nostri Uffici sono disponibili per i proprietari le tessere che danno diritto, nei casi previsti alla gratuità del servizio .

Il Consiglio di Amministrazione della Comunità

Costa  Paradiso  9 maggio 2019

6 Comments

  1. Diana Lanciotti ha detto:

    Mi sembra davvero un ottimo risultato. Proprio pochi giorni fa una coppia di amici mi riferiva di aver “saputo” da un imprenditore locale che quest’anno a CP non avremmo avuto neppure l’ambulanza… Una delle tante chiacchiere da osteria mese in giro per gettare discredito e seminare zizzania.
    Purtroppo, come mi dicono succeda anche sulla pagina Facebook Proprietari Costa Paradiso, uno degli sport più praticati a CP è la propalazione di notizie farlocche (ne so qualcosa io, che ne sono stata vittima a lungo…)
    Basta che uno (o una…) la mattina si svegli e s’inventi una panzana, che nel giro di poche ore è già sulla bocca e sui blog di tutti.
    Le stanno tentando tutte, con dovizia di fantasia, ma da tempo hanno oltrepassato la soglia del ridicolo. Contenti loro…

    Diana Lanciotti

    • Claudio Pedace ha detto:

      Purtroppo è così. Si dimentica che noi stiamo qui per cercare prima di tutto le migliori opportunità per migliorare l’habitat e la sicurezza del territorio. Spero che i fatti e non la parole riescano a rasserenare tutti.

      • Diana Lanciotti ha detto:

        A proposito di notizie farlocche… un signore moroso sta millantando di aver fatto insediare questo CdA con i suoi voti (!?) In realtà i morosi non possono votare e infatti questo signore non ha votato.
        Fino a quando dovremo sopportare questo stillicidio di menzogne?
        Trattasi dello stesso signore che sta infangando la memoria di una persona scomparsa affermando di aver fatto un accordo, i cui contorni non sono molto chiari…
        Trattasi, ancora, dello stesso che, all’indomani dell’assemblea del 26 novembre 2016, mi ha fatto pervenire minacce telefoniche. Un estratto è pubblicato sul mio sito., mentre l’intera registrazione della telefonata è depositata a mia tutela.
        Buon lavoro e grazie per il lavoro difficile che state facendo a salvaguardia degli interessi di tutti i proprietari, anche di quelli che purtroppo non muovono un dito e pensano che tocchi sempre agli altri darsi da fare

        Diana Lanciotti

        • Claudio Pedace ha detto:

          Penso che possiamo considerare definitivamente chiusa la fase in cui l’elezione del CdA era simile ad un’elezione politica. Chiunque a suo tempo ci ha votato ha di fatto aderito al nostro documento (leggibile in home page), non ha definito una ‘dipendenza’ del CdA da questo o quel ‘gruppo di interesse’, visione, che non esito a definire come minimo clientelare per non dire peggio.
          Noi ci stiamo impegnando per rispettare gli impegni presi, non perdendo mai di vista il punto fondamentale: stiamo amministrando soldi di tutti i proprietari, da cui abbiamo ricevuto un mandato, e di questo dovremo rendere conto a tutti.

  2. Melina Bianchini ha detto:

    Ricordo che quando mi è stata consegnata la tessera lo scorso anno mi era stato detto che era definitiva e non solo annuale come in passato. Non è più valida?

Lascia un commento