DISGRAZIA NELLE ACQUE DI COSTA PARADISO
3 agosto 2018
In attesa dell’assemblea
8 agosto 2018

Progetto sicurezza

1)    Scopo del progetto

Il “progetto sicurezza” affronta un problema diventato sempre più importante negli ultimi anni, quello del controllo del territorio di Costa Paradiso.

Di seguito descriveremo, brevemente, lo strumento tecnico proposto per migliorare tale controllo ed alcuni esempi in cui lo stesso si rivela particolarmente efficace.

Il sistema di sicurezza proposto sarà realizzato mediante un impianto di videosorveglianza.

2)      Cos’è un impianto di videosorveglianza

Un impianto di videosorveglianza è essenzialmente costituito da un insieme di videocamere collegate ad una centrale di controllo che rilevi, attraverso le telecamere, qualsiasi anomalia sul territorio attivando, rapidamente, le risorse necessarie a risolvere l’anomalia.

Per collegare tutte le telecamere alla centrale di controllo, si può ricorrere ai classici cavi sotterranei (soluzione molto costosa ed impegnativa) oppure a collegamenti WiFi su palo, (il WiFi = Wireless Fidelity, è una comunicazione senza cavi trasmessa via etere, come le onde delle nostre radio).

La soluzione WiFi presenta, oltre al vantaggio di semplicità ed economicità, anche quello di permettere ai proprietari delle abitazioni di disporre di un collegamento wireless (=senza fili) per i propri cellulari, portatili, computer, ecc.

3)      Esempi di applicazione a Costa Paradiso

3.1) Controllo delle strade

Posizionate opportunamente agli incroci principali di Costa Paradiso le telecamere (e quindi il personale del centro di controllo) possono rilevare ogni passaggio di automezzi e, se dotate di opportuni accessori, possono leggere la targa di ogni auto che passi in prossimità delle telecamere.

I Software (speciali programmi informatici) del centro di controllo possono riconoscere le targhe dei proprietari di Costa e ridurre il controllo alle sole autovetture “esterne”

3.2) Controllo delle abitazioni

Questo servizio è opzionale ed acquistabile dai singoli proprietari. Una piccola antenna montata nel punto più alto di un’abitazione permetterà di portare la rete WiFi fino all’abitazione stessa. Da qui, con i propri mezzi o tramite il fornitore dei servizi che sarà scelto dalla Comunità, sarà possibile installare una serie di telecamere ad esclusivo uso dell’abitazione il cui monitoraggio sarà eseguito via internet sui propri dispositivi connessi (cellulari, iPad, PC, ecc.)

3.3) Controllo dei cassonetti

Tutti sappiamo che le colpe di un villaggio che mette in mostra i propri rifiuti sono attribuibili solo in parte ad un carente servizio di Ambiente Italia. Una buona percentuale di colpe ricade purtroppo sugli stessi proprietari di Costa Paradiso, sugli ospiti settimanali, su quelli giornalieri e sugli operatori commerciali che troppo spesso abbandonano cartoni non ripiegati, materiali edili, elettrodomestici, frasche, senza seguire le corrette procedure di conferimento.

Per contrastare questa forma di inciviltà moltissimi Comuni italiani ed esteri hanno adottato il sistema della videosorveglianza delle isole ecologiche con applicazione di multe ai trasgressori.

Pur non potendo, in quanto privati, usufruire di tutti gli strumenti di “persuasione” di cui dispone un Comune, un sistema di videosorveglianza che tenga sotto controllo i principali cassonetti e le modalità di conferimento costituirà un aiuto per migliorare l’attuale, deprimente, situazione.

3.4) Controllo delle presenze

Quanto visto per il controllo delle strade è applicabile, naturalmente, anche al controllo degli ingressi e delle uscite delle auto dal villaggio. Tramite le telecamere, opportuni SW (software) e qualche accessorio HW (= HardWare, cioè costituito da elementi tangibili come una telecamera)  è possibile eseguire la lettura di tutte le targhe in ingresso ed in uscita, sapere, quindi, quante e quali auto sono presenti nel villaggio distinguendo tra proprietari ed ospiti, sapere in quale parte del villaggio si trovano le auto, eseguire un maggior controllo sulle auto dei “non proprietari”, ecc.

In particolare, grazie ad un database aggiornato in tempo reale è possibile rilevare le targhe di auto rubate (e perfino auto non assicurate).

3.5) Controllo degli accessi

Questa opzione permette di autorizzare solo alcune categorie di automezzi per un tempo massimo dipendente dalla categoria stessa. Ad esempio la categoria dei proprietari (dotati di autorizzazione permanente), degli ospiti delle agenzie, dei residence e degli Hotel (con autorizzazione limitata al periodo di permanenza), degli ospiti dei ristoranti (con autorizzazione limitata ad alcune ore), dei fornitori (con autorizzazione ad hoc), degli accessi alle spiagge (autorizzazione ad ore), e così via.

E’ anche possibile subordinare i permessi di accesso ai parcheggi disponibili, al pagamento dei parcheggi, ecc.

E’ infine possibile prenotare i permessi di accesso comunicando la targa, tramite cellulare, pagando, nel caso specifico dei parcheggi, l’eventuale costo.

Questa opzione, per il momento non sarà tuttavia applicabile in quanto comporta un certo numero di difficoltà non superabili per ora (titolarità dei cespiti, spazio per più sbarre, ecc.)

3.6) Controllo dei parcheggi

Anche questa fase, come la precedente, non è al momento realizzabile a causa della controversia ancora in corso presso il TAR riguardo alla proprietà delle strade di Costa Paradiso ed a causa del fatto che il Comune di Trinità, per questo motivo, ha negato l’autorizzazione per qualsiasi regolamentazione del traffico di Costa Paradiso (sensi unici, divieti di sosta, parcheggi, ecc.)  

Questa opzione del progetto tuttavia, è una delle più utili in quanto permetterebbe, già alla sbarra di ingresso, di sapere quali parcheggi sono già completamente occupati, quanti posti liberi ci sono in ogni parcheggio, le coincidenze con eventuali navette in partenza dai parcheggi, ecc.

Come già visto in precedenza il sistema (con le dovute predisposizioni a pagamento) permetterebbe di prenotare i posti nei parcheggi, di pagarli in anticipo via internet, ecc.

3.7) Controllo incendi

Speciali telecamere possono rilevare la presenza di eventuali incendi e mettere in allarme la centrale di controllo permettendo di intervenire con notevole anticipo rispetto al rilevamento a vista.

3.8) Controllo notturno

Speciali telecamere permettono di svolgere durante la notte le stesse funzioni svolte dalle telecamere durante il giorno

3.9) Controllo delle aree di conferimento rifiuti centralizzate

Attualmente i proprietari che vogliono conferire ramaglie e frasche nell’apposita area di conferimento senza pagare il servizio di prelievo e trasporto devono farsi aprire il cancello dell’area dal personale della Comunità, il quale controlla anche il corretto conferimento delle ramaglie.

Lo stesso servizio potrebbe essere eseguito senza intervento del personale della Comunità abilitando l’accesso all’area di conferimento tramite comando a distanza e seguendo con le telecamere le varie fasi dell’operazione per verificarne la correttezza.

3.10)     Controllo delle spiagge

Una telecamera montata su un drone, potrebbe seguire la linea costiera lungo tutto il territorio di Costa Paradiso per rilevare immediatamente persone in pericolo o imbarcazioni in difficoltà.

3.11)     Fornitura collegamenti WiFi

Come anticipato nei paragrafi precedenti la stessa rete WiFi utilizzata per collegare le videocamere destinate alla sicurezza del villaggio, servirà egregiamente anche per fornire collegamenti WiFi alle singole utenze che lo richiederanno mediante contratti flessibili a pagamento) che andranno dall’intero anno (per i residenti) a contratti per un solo mese (per gli ospiti estivi) passando per contratti di durata intermedia (per gli operatori commerciali).

Sarà infine possibile stipulare contratti per la realizzazione di “Hot Spot” (nodi da cui viene  irradiato il segnale WiFi) per fornire alla propria clientela (Bar, ristoranti, … ma anche la Comunità stessa) un WiFi gratuito nell’ambito di una determinata area.

Questa opzione non rappresenta una soluzione alla telefonia cellulare carente di molte aree di Costa ma permette di sostituirla con altri strumenti quali comunicazioni telefoniche Voiceip quali WhatsApp, Skype, ecc.

4)      Conclusioni

Quelle riportate sono solo alcune delle migliorie che potrebbero essere introdotte a Costa Paradiso. La spesa complessiva varia naturalmente in funzione delle opzioni scelte. In ogni modo si cercherà di realizzare il progetto per gradi, partendo dal controllo delle strade, delle isole ecologiche, degli incendi, delle aree di conferimento rifiuti centralizzate, controllo notturno, controllo degli accessi, disponibilità WiFi ad uso personale. Sarà anche possibile, alla fine della prima fase del progetto, stipulare contratti personali con il fornitore per la sicurezza delle proprie abitazioni.

L’introduzione della videosorveglianza comporterà, infine, la possibilità di ottimizzare il servizio di guardiania.

4 Comments

  1. questo progetto molto interessante quando sara’ realizzato?

    si può partecipare alla gara di appalto?

  2. Silvia Brunelli ha detto:

    Buonasera, vedo impraticabile il controllo delle targhe per qualunque iniziativa. E i proprietari che come me affittano un auto all’ aeroporto? Comunicano a chi il numero di targa dell’auto noleggiate che conoscono solo all’atterraggio il girono dell’arrivo…

    • Luciano Ognissanti ha detto:

      È vero che potrebbe essere impraticabile, ma per altri motivi (acquisizione cespiti da parte del Comune). Per quanto riguarda l’acqusizione della targa da parte del sistema di sicurezza di Costa, basterebbe un mex inviato dal cellulare al sistema per comunicare la nuova targa, il periodo utilizzo della stessa e il codice proprietario. La stessa operazione è possibile perfino con il turista occasionale che venga a fare un altrettanto occasionale bagno a Li Cossi!

Lascia un commento