L’ASSEMBLEA DEL 10 AGOSTO: LA RELAZIONE DEL PRESIDENTE

In attesa dell’assemblea
8 agosto 2018
MIGLIORARE LA FRUIBILITA’ DELLE DISCESE A MARE
24 agosto 2018

L’ASSEMBLEA DEL 10 AGOSTO: LA RELAZIONE DEL PRESIDENTE

LO SCORSO 10 AGOSTO si è svolta a Trinità d’Agultu l'assemblea dei partecipanti della Comunità di Costa Paradiso. Erano presenti (in proprio o per delega) 352 Partecipanti, corrispondenti a quote pari a 2.467,61 decimillesimi.
Nella sua relazione introduttiva (Link) il Presidente Buffoni ha sottolineato che il C.d.A. ha scelto di convocare l’assemblea con cadenza annuale, anziché triennale (come previsto dal Regolamento) per assicurare maggiore trasparenza dell’attività svolta ed un più partecipe coinvolgimento dei proprietari per ascoltare valutazioni e suggerimenti in funzione dell’obiettivo principale dell’azione del C.d.A. : “ portare il territorio di C.P. in uno stato di completa legalità “.
I punti salienti della relazione, che potrete leggere in area riservata, riguardano soprattutto , l' affidamento della rete idrica e fognaria e dell’impianto di depurazione al gestore stabilito dalla legge, previa acquisizione delle opere di urbanizzazione da parte del Comune di Trinità .
Su questo punto sostanziale Buffoni ha ricordato la vicenda del ricorso al TAR (cui la Comunità partecipa a pieno titolo ,rappresentata dall'avvocato Merella) e del rinvio ottenuto dal Comune ( a cui la Comunità si è fermamente opposta!), che aveva garantito che erano state avviate trattative con EGAS e ABBANOA per realizzare il passaggio dei cespiti, con la speranza concreata di una soluzione concordata fra le parti.
Secondo Buffoni al momento, purtroppo, questo impegno è stato tradito.
Nonostante i ripetuti solleciti rivolti dai nostri legali (il prof Occhiena e l’avv. Merella, ) per organizzare un tavolo di trattativa, non abbiamo avuto risposta, fatta eccezione per una 'Conferenza dei servizi' convocata dal Comune lo scorso 2 agosto (Link), di cui la Comunità è stata informata'per conoscenza' (sic!).
Pur nella consapevolezza che un rapporto di stretta collaborazione con il Comune è essenziale per la salvaguardia e la valorizzazione di Costa Paradiso, il CDA si è visto costretto ad inoltrare alle Autorità competenti (Regione,Prefetto, Egas, Abbanoa e Comune) (Linkun esposto-diffida col quale sollecitiamo l’acquisizione dei cespiti da parte del Comune dichiarando la determinazione di cessare unilateralmente la gestione di acquedotto e fognatura a far data dal prossimo 1 ottobre.
La relazione del Presidente ha poi descritto sinteticamente l'attività svolta dal CDA nell'ultimo anno soffermandosi in particolare su :
- contenimento delle spese;
- recupero dei crediti, con una martellante sollecitazione dei morosi e, quando necessario, con l’interruzione della fornitura dell’acqua;
- pagamento dei debiti, nei confronti di Abbanoa (che per la nostra condizione di morosità aveva interrotto la fornitura dell’acqua) e degli Enti previdenziali per contributi dei dipendenti non pagati ( a causa dei quali Equitalia aveva attivato procedure di pignoramento);
- introduzione del servizio di riparto per la fornitura dell’acqua, finalizzato a non far più gravare sulla cassa della Comunità le morosità dei singoli utenti, i quali avranno in futuro un rapporto diretto con Abbanoa.

Un'ultima notazione importante è quella relativa alla gestione rifiuti:
Buffoni ha messo in rilievo che una continua e pressante attività di sollecitazione è stata svolta nei confronti del Comune per il miglioramento del servizio di raccolta dei rifiuti che, come è noto, viene svolto da una ditta appaltatrice.
Fin dal termine della scorsa stagione estiva, nella quale abbiamo verificato una pessima gestione, ci siamo attivati per suggerire miglioramenti e per renderci disponibili per una collaborazione, ma soltanto dopo una nostra lettera di diffida del 4 giugno, il 28 giugno siamo stati invitati ad un incontro con il Comune e la ditta Ambiente Italia, nel quale sono stati concordati alcuni interventi migliorativi ed in cui noi abbiamo assunto l’impegno (rispettato!) di svolgere un’adeguata campagna di sensibilizzazione dei Partecipanti tramite depliant e cartelli illustrativi per la differenziazione dei rifiuti.
La Comunità ha mantenuto il suo impegno, ma non altrettanto abbiamo potuto riscontrare da parte della ditta appaltatrice.
Soltanto a seguito di un esposto denuncia inviato al Prefetto, accompagnato dalla firma di oltre 200 Partecipanti, (Link) sono stati approntati alcuni interventi migliorativi.

Nel sito è pubblicato il set di diapositive esplicativo (Link) di alcuni dei contenuti indicati.
Nei prossimi giorni torneremo su altri temi trattati nel corso dell'Assemblea in particolare sulla decisioni prese sul tema delle azioni di responsabilità e sul progetto sicurezza/wi-fi

Il Consiglio di Amministrazione della Comunità

2 Comments

  1. CARMENCITA AMAGLIO ha detto:

    È inutile che vi lamentiate delle mancate risposte alle Vs lettere al Sindaco, quando siete voi i primi a non rispondere ai proprietari che vi chiedono di esprimervi su questioni che dovrebbero essere portate a conoscenza di tutti e verbalizzate nelle riunioni del CTA. Vi ho scritto più volte e anche tramite PEC ma ignorate le segnalazioni degli abusi edilizi e paesaggistici che vi sono su tutto il territorio! Chi compra a Costa Paradiso deve sapere che da un anno all’altro è facile che si trovi costruito sul proprio terreno un bagno e una piscina abusiva e che la Comunità non vigila sui progetti e sui cantieri presentati!

    • Claudio Pedace ha detto:

      Gentile signora Amaglio, non mi pare che i due argomenti abbiano qualcosa a che vedere. La mancata risposta del Sindaco crea un problema serio a tutti i partecipanti!
      Per quanto riguarda il suo problema sarà nostra cura verificare con la CTA l’esito delle sue lamentele. Tuttavia le voglio ricordare che gli eventuali abusi devono essere segnalati agli uffici del Comune o alla Forestale.

Lascia un commento